La Nuovi Orizzonti Società cooperativa sociale ONLUS si costituisce  il 13.11.1998  su iniziativa di un gruppo eterogeneo di giovani educatori, operatori sociali, volontari ed ex obiettori di coscienza, conosciutisi all’interno dell’Istituto di riabilitazione “Leonarda  Vaccari” di Roma , che a vario titolo, hanno condiviso le riflessioni e le esperienze vissute in campo sociale e l’esigenza di costruire nuove risposte ai bisogni delle persone con disabilità e dei loro familiari.

Dopo l’entusiasmo dei primi anni all’interno dei servizi residenziali e semiresidenziali dell’Istituto L. Vaccari, è emersa ben presto, tra la compagine sociale, la volontà di promuovere servizi di sostegno alle famiglie con disabilità per contrastare l’ istituzionalizzazione.

Nel biennio 2002 – 2004  le prime soddisfazioni derivano dalla gestione di alcune assistenze domiciliari  nella Provincia di Roma Nord,  dall’avvio dei week end di sollievo finanziati dalla Provincia e soprattutto dalla nascita del primo centro diurno a Formello, gestito in stretta  collaborazione con i familiari del territorio.

Il raggio di azione delle attività promosse dal centro diurno esulano dagli spazi fisici concessici dal Comune, per mantenere un rapporto forte con la comunità si organizzano feste nella piazza principale, si distribuisce  sul territorio il giornalino del centro, si coltivano le relazioni con i commercianti per favorire l’inserimento sociale dei destinatari, si attua una campagna per disincentivare i cittadini che parcheggiano sui posti riservati alle persone con disabilità.

Negli anni successivi, sebbene in maniera più marginale, continuiamo a collaborare alla gestione dei centri diurni di Fiano e Riano, lasciando successivamente, nel 2010, la gestione dei centri alle cooperative territoriali con le quali nel corso degli anni abbiamo collaborato.

Il principio di territorialità risulta presupposto indispensabile e imprescindibile al fine di lavorare con la comunità, per meglio contribuire alla progettazione sull’utenza è necessario che gli operatori siano radicati nel territorio, che ne conoscano le risorse, i bisogni, le necessità.

Nel 2005 la cooperativa decide di potenziare l’offerta dei servizi per il tempo libero rivolgendosi direttamente agli utenti (week end) e in concomitanza, grazie all’aggiudicazione di un bando indetto dal Dipartimento V di Roma per la gestione di vari servizi di socializzazione (sport e uscite), sperimenta nuovamente la possibilità di programmare in maniera compartecipata i servizi (sia con gli utenti che con le istituzioni) delineando le premesse di un modello di intervento che verrà replicato nei successivi progetti.

Il proficuo rapporto instaurato con la cooperativa Stadion e con le famiglie dei nostri destinatari contraddistingue quell’esaltante periodo.

Diventiamo consapevoli di quanto le attività del tempo libero influiscano in maniera diretta sul funzionamento della salute e sulla qualità della vita dei partecipanti, di quanto sia importante considerare la persona con disabilità e la sua famiglia  protagoniste delle loro vite, di quanto sia strategico fare leva sui loro punti di forza, sulla loro motivazione e sulle risorse territoriali.

Va da sé, che in questa cornice di riferimento, si programmino le attività in luoghi pubblici, coinvolgendo anziani, volontari, familiari e amici, va da sé che nei laboratori teatrali successivamente proposti,  il copione sia elaborato a partire dalle improvvisazioni e dalle idee dei partecipanti, che le attività sportive permettano a ciascuno di scegliere lo sport personalmente più adatto, che nella programmazione dei week end o dei soggiorni estivi e delle settimane bianche si decida assieme dove andare e cosa fare, che in casa famiglia il servizio sia quanto più possibile individualizzato, così come nelle assistenze scolastiche…

Siamo così arrivati velocemente ai giorni nostri… sperimentando nuovi servizi (collaborazione nella gestione di una casa famiglia e servizi di assistenza specialistica) e consolidando diverse esperienze passate…

Aspiriamo “solo” a costruire benessere… e siamo consapevoli che lo si possa fare solo insieme…

Oggi siamo impegnati nell’ideazione e realizzazione di nuovi servizi attraverso i quali le persone, le organizzazioni e la comunità possano acquisire competenze sulle proprie vite, al fine di cambiare il proprio ambiente sociale e politico, per migliorare l’equità e la qualità di vita come ad esempio il progettocustode di quartiere”.

In questo breve excursus ringraziamo tutti quei soci e collaboratori che attualmente non prestano servizio nella cooperativa e che comunque hanno creduto e investito in questa “avventura”…  resteranno comunque nei cuori e nella storia della Nuovi Orizzonti.